Video nell’e-commerce: perché è importantissimo!

Nell’ambito di un’indagine globale condotta da Brightcove, gli acquirenti di tutto il mondo hanno condiviso le loro opinioni su quanto sia importante il video come parte del percorso di acquisto. Lo studio ha rilevato che i video nell’e-commerce sono essenziali per l’85% dei consumatori in tutto il mondo che stanno decidendo se comprare o meno, e che il 36% utilizza proprio i video per scoprire nuovi prodotti online.

Il video nell’e-commerce mostra il prodotto e come si utilizza, mostra come si trovano i clienti che hanno già acquistato, come risolvono eventuali problematiche e via dicendo, ed è un alleato incredibile per costruire un rapporto di fiducia con il consumatore. Consumatore che, tuttavia, non ha molta pazienza di aspettare che il video si carichi… Pena: il cambio di sito web! Ma andiamo con ordine.

Secondo la ricerca, quasi la metà dei consumatori in tutto il mondo afferma che i video aumentano la loro fiducia negli acquisti online, e il 71% di loro dichiara che quelli interattivi – cioè con link per l’acquisto e call to action – funzionano anche meglio. Sarà un effetto Tik Tok? Potrebbe!

Il video offre agli acquirenti la possibilità di vedere e sentire un cliente reale esprimere la propria opinione su un acquisto. Questo è un modo incredibilmente potente per creare fiducia e sicurezza, non può essere falso e, se lo è… si vede.

Jillian Ryan, direttore senior della strategia dei contenuti di Brightcove, ha dichiarato che “i millennial sono fortemente interessati dall’impatto che il video ha nelle fasi post-acquisto di un percorso di acquisto B2B. Quasi tutti (97%) i professionisti in questa fascia di età concordano sul fatto che i contenuti video e la comunicazione siano utili anche nelle fasi successive all’acquisto“. Una parte significativa di questo gruppo preferisce i video nell’e-commerce anche per imparare a utilizzare un prodotto o servizio e per la risoluzione di eventuali problemi.

Social come Instagram o Tik Tok hanno sicuramente eliminato il velo di mistero a cui eravamo abituati e che si trovava tra il prodotto virtuale in vendita sull’e-commerce e il pacco arrivato a casa. L’e-commerce, dalla sua, vince ancora quanto affidabilità rispetto ai social network: il 91% degli intervistati preferisce acquistare direttamente sul sito web invece che da piattaforme ibride come Shopify o shopping direttamente sui social.

Video nell’e-commerce: la rapidità di caricamento

È emerso però, che questa preferenza non accetta fallimenti, e che i consumatori non hanno molta pazienza: quando i video impiegano più di cinque secondi per caricarsi, il 64% degli intervistati se ne va. Contrariamente a quanto possiamo immaginare, sono i più anziani a spazientirsi per primi. Solo 1 su 5 della Generazione Z e Millennial se ne andrà in meno di un secondo, contro i 3 su 10 dei cosiddetti Boomers. Il 46% degli intervistati aspetta al massimo 2 secondi, il 64% sarà perduto per sempre al quarto secondo di attesa del caricamento.

Come possono le aziende B2B raggiungere i sempre più Millennials di oggi? Devono disporre di contenuti video per potenziali clienti, da esplorare e con cui interagire durante l’intero percorso di acquisto. Ciò significa non solo ospitare contenuti video sul sito Web dell’azienda, ma anche sfruttare i video come punto di incontro tra te e i tuoi clienti durante il loro viaggio con il marchio.

 

Per risolvere le problematiche di caricamento o scoprire quale format puoi immaginare per i tuoi video, ci sono moltissime soluzioni tecniche che la Bitnet può aiutarti a implementare. Contattaci.